Contact Me

Se hai domande sul coaching, sul mio lavoro o vuoi invitarmi a parlare a un evento, lascia pure un messaggio qui. Grazie!

For any questions about my work please leave a message here. I'll reply asap. Thank you.

Name *
Name
         

123 Street Avenue, City Town, 99999

(123) 555-6789

email@address.com

 

You can set your address, phone number, email and site description in the settings tab.
Link to read me page with more information.

Come Amare Se Stessi (4): Rilassarsi, più volte al giorno

Blog IT

Come Amare Se Stessi (4): Rilassarsi, più volte al giorno

Sara Francesca

Quest’articolo è il quarto step della Guida Pratica all’Amore di Sè in 10 passi ispirata ai principi di Louise Hay.



Trascrizione dell’Audiocorso gratuito Come Amare Se stessi


Buongiorno e benvenuti alla quarta puntata della Guida Pratica all’Amore di Sè! La puntata di oggi è interessantissima perché andremo a parlare di qualcosa che generalmente facciamo fatica a fare… Rilassarci! 




Quante volte ti hanno detto: “Rilassati! Prendi le cose con più calma… Quand’è che ti rilassi un pochino?” 




O forse stai pensando che il tuo capo si deve rilassare, tua padre si deve rilassare o il tuo partner si deve rilassare… 




Rilassarsi è un atto di Amore di Sè.

Il gradino di questa settimana continua e completa quello della settimana precedente. 



Se la settimana scorsa abbiamo parlato di trattarsi con il dovuto amore, gentilezza e pazienza e perdonarsi, questa settimana vediamo un’azione in più che possiamo fare per trattarci bene, che è prenderci del tempo per rilassarci. 




Non basta andare in vacanza una o due volte all’anno, iniziamo a farlo tutti i weekend...




Ma non basta rilassarsi una volta alla settimana, serve farlo tutti i giorni… 




Anzi, sarebbe meglio più volte al giorno. 




Non ti sto chiedendo di fare grandi cose: solo 3 respiri profondi, più volte al giorno, davanti al computer, in macchina, prima di mangiare, appena metti giù il telefono con qualcuno, ogni volta che ti lavi le mani e ti guardi allo specchio, tra una riunione e l’altra…




3 respiri profondi: quanto ci metti a farli? Eppure quante volte ci dimentichiamo di farli? Di respirare con calma e profondamente… 




Movimento VS. Rilassamento




Per apprezzare maggiormente il rilassamento serve prima il movimento. 




Non è la stessa cosa sedersi sul divano dopo aver fatto una corsa di 5 chilometri o traslare sul divano dopo essere stati seduti a tavola per 2 ore. 




Nel primo caso apprezziamo molto di più la sensazione di rilassamento!




I contrasti aiutano i nostri sensi ad avere una comprensione di ciò che sta accadendo. La nostra mente è naturalmente portata alla dualità, che ci aiuta a catalogare questo caos del mondo che abbiamo intorno. 




Se ti metti nella prospettiva della mente, che ha il compito prima di tutto di tenerti in vita e poi di supportarti nella tua evoluzione e nel raggiungimento dei tuoi obiettivi, poter catalogare le cose è un ottimo modo per tenerti lontano dai pericoli e salvaguardare la tua vita. 




Immagina la tua mente che in maniera automatica cataloga tutto in delle caselle doppie, ciascuna contenente il suo opposto. 




Esistono le caselle del “sicuro” e del “pericoloso”; del “giusto” e dello “sbagliato”; di ciò che è “positivo” e ciò che è “negativo”; del “buono” e “cattivo”; del “mi piace” e del “non mi piace”, ecc. 




Il compito della nostra mente è di generare pensieri, in continuazione (gli esperti dicono circa 36.000 al giorno) e questi pensieri, che sono opinioni passeggere, idee, intuizioni, credenze arroccate da tempo e giudizi sul mondo, in qualche modo vanno pur catalogati. 




Per questo il nostro cervello ha un funzionamento binario a caselle. 




Se non avessimo l’esperienza del positivo nella vita, non potremmo giudicare qualcosa come negativo. Se non avessimo l’esperienza del movimento, e nel movimento includiamo anche lo stress - considerando il continuo movimento mentale ed emozionale che esso genera - non potremmo apprezzare l'esperienza del rilassamento e di assenza di stress. 




Partire per una vacanza, che sia breve o lunga, ci rilassa e ci sembra fantastico perché è il contrario di quello che facciamo di solito. 




Questa alternanza di esperienze opposte nella nostra vita mantiene il nostro sistema cognitivo efficiente.



Ci mantiene motivati. Ci motiva all’azione, a cercare un cambiamento. Ci fa apprezzare anche le piccole cose. 




Senza movimento non si può apprezzare quindi il momento del relax. 




Se lo vediamo dall’altra parte, sarà vero anche il contrario: ovvero che senza il rilassamento non si può apprezzare il movimento. 




Quindi rilassatevi, anche 5 minuti al giorno, o 1 minuto per 5 volte. 




Compratevi un braccialetto per ricordarvi di rilassarvi, scrivetevi un post it di  promemoria sulla scrivania o sulla parete di casa, così ogni volta che vi cade l’occhio durante il giorno vi ricorderete di rilassarvi. 




Rilassarsi è importante per poter essere più produttivi, più efficienti, più concentrati e sopratutto, dico io, più centrati. 




Secondo la regola dei contrasti di cui abbiamo parlato poco fa, se non ti rilassi non ti godi neanche la parte di movimento, cioè di attività. 




Se ci pensate, state tutto il giorno in movimento, sia esso fisico o mentale. 

C’è chi viaggia con la mente, chi ha tanto da lavorare, chi deve correre da una parte all’altra della città e non ha un momento di pausa... 




Com’è possibile rilassarsi con una vita del genere? 




Me lo chiedono in tanti. Sono gli stessi che credono che la vita di una life coach sia perfetta o che una life coach come me che lavora in proprio abbia un saaaaacco di tempo per rilassarsi. 




Bhè, proprio no, ve lo dico subito. Non ho più tempo di voi per rilassarmi e la mia Vita è bellissima e non perfetta. 




Ho dovuto imparare anch’io a rilassarmi. Una volta non ci davo così tanta importanza, ma più vado avanti e più vedo i suoi benefici diretti su come mi sento e quanto sodisfatta sono di me stessa. 




Dire “Io non ho tempo di rilassarmi” oppure “Sarebbe bello rilassarsi, ma non ho proprio tempo…” è solo un pensiero e ogni pensiero può essere cambiato.




Questo tipo di pensieri non ci porta da nessuna parte… Tanti danno la colpa alla vita, ai mille impegni, alle abitudini che dovrebbero cambiare, agli altri (figli, lavoro, parenti) che rubano il loro tempo… 



Se inizi a dare la colpa alla vita o al fatto che non c’è abbastanza tempo per rilassarsi perdi in partenza

Perché rinunci al tuo potere personale e pensi che le cose ti capitino senza il tuo potere di agente. 




Tu sei un agente in ogni situazione. 




In maniera conscia o inconscia, stai in qualche modo contribuendo alla situazione che stai vivendo. Vi stai contribuendo attualmente oppure vi hai contribuito in passato, ad esempio con quello che pensavi o certe scelte che hai fatto, e oggi ne vedi il risultato. 




Rilassarsi è una scelta per amare se stessi.



Non puoi pretendere di correre sempre a mille. O meglio, anche chi corre sempre a mille ha bisogno di rilassarsi. 




Il trucco è di non aspettare di essere arrivati al limite della sopportazione per prenderti un momento di relax. 




L’invito che ti faccio oggi è di rilassarti ogni giorno, anche più volte al giorno. 




Se hai mai avuto qualche esperienza con gli amici animali (un cane, un gatto, un pesce rosso, …) avrai notato che lo stato naturale in cui trascorrono la giornata è di relax. Appena c’è uno stimolo esterno sono pronti a scattare e poi ritornano al loro normale stato di rilassamento. 




Nel mondo in cui viviamo oggi siamo immersi in una sovreccitazione costante, che porta il nostro sistema nervoso a essere sovrastimolato, quindi a maggior ragione avrà bisogno di rilassarsi. 




Davvero basta qualche minuto, ma bisogna farlo intenzionalmente e dopo capirete perché. 

 
Amore di sè-4-rilassarsi-pi-volte-al-giorno-sara-francesca-life-coach.jpg




Una volta mi ha visitato un medico gastroenterologo olistico molto famoso. Ero a Los Angeles nella sua clinica di medicina funzionale. Io ero andata per un disturbo gastrointestinale, quello che in Italia chiamano “sindrome del colon irritabile”. 




Avrebbe potuto prescrivermi tutte le pillole del mondo (sapete che gli americani non ci vanno tanto leggeri…) oppure prescrivermi trattamenti orientali tipo riflessologia plantare, massaggi, ecc visto che aveva anche questo tipo di approccio. 




Invece ha scelto di prescrivermi una e una sola cosa: mi ha guardato bene negli occhi e mi ha detto: “Inizia a fare 10 min al giorno di Black Room e andrai a posto”. 


Che cos’è la Black Room



A quel tempo non sapevo cosa significasse Black Room e sono rimasta un attimo spiazzata. Significa semplicemente mettersi in una stanza buia, senza musica, senza suoni ed eliminando qualsiasi tipo di stimolo per qualche minuto. Se siete in una stanza luminosa basterà coprirsi gli occhi con le mani o con una mascherina oscurante. 




E’ un rilassamento totale del sistema nervoso, un reset. 




Bastano davvero pochi minuti per sentirsi di nuovo in forma ed energetici. Oggi lo faccio dopo i lunghi viaggi in macchina, alla fine di una giornata stancante o nella pausa pranzo se sono di corsa. 




Il sistema nervoso si resetta e tu riprendi le energie. 




Un altro metodo molto valido per rilassarsi è respirare. 




Per rilassarsi bastano 3 respiri profondi più volte al giorno. La respirazione diaframmatica, quella fatta con la pancia che si gonfia e si sgonfia come un palloncino, per intenderci, ha dei benefici immediati su tutto il corpo.




Respirare profondamente contribuisce a rilasciare le tensioni superficiali del corpo e a riportarti a uno stato di calma e centratura. 




Quando fai tre respiri profondi, a maggior ragione se hai la possibilità di chiudere gli occhi mentre lo fai, ti sembrerà di riprendere in mano il tempo, di essere presente nella tua giornata, di poter arrivare a fare tutto, con calma e concentrazione…




Perchè ci sei. 




Perchè lo vuoi. 




Perchè ti ami. 




Nel libro “Relajación Total” di John R. Harvey, che ho letto durante il mio periodo di vita a Ibiza, si parla di 5 livelli del rilassamento e 5 caratteristiche fondamentali del rilassamento. 




I 5 livelli del rilassamento sono: muscolare, del sistema nervoso autonomo, mentale, emozionale e spirituale. Senza rilassamento in tutti e cinque questi livelli non si può ottenere un relax completo. 




Oltre a questo, il libro dice anche che rilassarsi ha 5 caratteristiche: 




1 - Il rilassamento è un’abilità che si impara;

2 - Il rilassamento è un’abilità autogestita in maniera cosciente;

3 - Il rilassamento implica una volizione passiva (volere intenzionalmente qualcosa pur senza attaccamento al risultato);

4 - Il rilassamento è di natura individuale; non può essere collettivo. 

5 - Gli effetti del rilassamento sono cumulativi e sistemici




Chi è interessato ad andare nel dettaglio di questi livelli e capire come rilassare ciascuno di essi in maniera efficace, può leggere il libro di Harvey. 



Oppure potrà presto iscriversi a un corso online che sto preparando per il 2019 dove approfondirò molti dei temi trattati di coaching, life design e di benessere per esplorare il potenziale umano.



Se vuoi avere maggiori informazioni sul corso scrivi a

SARA chiocciola ARTOFGREEN punto EU

oppure mandami un whatsapp. 


Fai pratica così



Per concludere, vi lascio con il compito della settimana - anche se ormai credo l’avrete già capito… Rilassatevi! 




  • Pochi respiri profondi più volte al giorno;

  • Qualche minuto di black room appena potete, anche in pausa pranzo;

  • 5 minuti di meditazione nel mezzo di una giornata di corsa. 




Rilassatevi più spesso che potete e godetevi la rinnovata energia per tornare al vostro movimento! 




Un bacione, e buona, buonissima settimana! 




sara-francesca-signature.png