Contact Me

For any questions about my work or if you would like to be featured on the podcast, please leave a message here. I'll reply asap. 

Name *
Name
         

123 Street Avenue, City Town, 99999

(123) 555-6789

email@address.com

 

You can set your address, phone number, email and site description in the settings tab.
Link to read me page with more information.

Come Amare Se Stessi (5): La tua Cerchia di Supporto

Blog IT

Come Amare Se Stessi (5): La tua Cerchia di Supporto

Sara Francesca



Quest’articolo è il quinto step della Guida Pratica all’Amore di Sè in 10 passi ispirata ai principi di Louise Hay.


Trascrizione dell’Audiocorso Come Amare Se stessi

Buongiorno Amici! O buonasera! A seconda di quando stiate ascoltando questo audio… Sono proprio contenta di parlarvi oggi!

Sono a Vittorio Veneto, città dove abito, e qui il sole splende! Questa mattina mi sono alzata e ho visto dalla finestra i colori dell’alba riflettersi sulle montagne… 



Ho visto le montagne vicino a casa che si tingono di rosa. Accade solo per alcuni minuti al giorno e solo nella giornate più limpide.. è uno spettacolo imperdibile! 



Avete presente quella sensazione di quando osservate l’orizzonte, immersi in un paesaggio naturale, e tutto intorno a voi ci sono montagne, colline, laghi…o alberi… o le dune del deserto.. (dipende da dove avete viaggiato…).



Vorrei farvi ricordare uno di quei momenti e farvi sintonizzare sulla sensazione di fiducia e sostegno, oltre che di meraviglia. 



Immagina di aver appena fatto una camminata in montagna e di essere arrivato/a in cima alla vetta. Da lì vedi tutte le montagne attorno e ti senti sostenuto/a, in qualche modo, da quel cerchio di montagne. 



Quest’immagine ci introduce all’argomento di oggi, che è l’importanza di riconoscere il sostegno di una cerchia di persone care intorno a sé, e di nutrire e coltivare questa cerchia, e di appoggiarti ai tuoi sostegni tutte le volte che vuoi. 



Oggi siamo alla quinta puntata di questo audiocorso sull’Amore di Sè e siamo arrivati giusto a metà. Per questo alla fine farò un piccolo recap dei punti affrontati finora, anche in onore delle persone nuove che si sono aggiunte lungo il percorso. 



Finora i passi pratici che ti ho consigliato per amare di più te stesso/a sono stati rivolti verso di te. 



Non criticarsi, perdonarsi, ricordarsi di rilassarsi e non creare pensieri spaventevoli sono tutte cose che partono da te e finiscono con te. Siamo rimasti nella tua dimensione interna. 



Oggi, invece, apriamo le finestre e ci affacciamo fuori, come ho fatto io questa mattina! 



Guardiamoci intorno e iniziamo a prendere atto che amare se stessi vuol dire anche nutrirsi di relazioni sane e amorevoli. 



Non viviamo in uno spazio vuoto. Viviamo in un ambiente, che è fatto di cose, energie, animali, piante e … persone. 



Incontriamo quotidianamente altre persone, chi più chi meno, alcune dal vivo, alcune virtualmente, alcune solo attraverso le voce, come state facendo con me in questo momento. 



Questo è un momento d’incontro tra me e te ed è una conversazione bidirezionale, almeno io la vedo così, perché appena finisci di ascoltare questo messaggio sei libero/a di scrivermi una mail o lasciarmi un messaggio su whatsapp o Instagram. 



Quindi anch’io posso far parte della tua cerchia di supporto e sostegno in questo periodo della tua vita. Non ne ho la presunzione, ma se trovi questi audiomessaggi interessati e ne trai un beneficio, significa che in qualche modo ti sto supportando. 



Felicissima e onorata di farlo, Amici.



La cerchia di supporto di ciascuno può cambiare nel corso del tempo


Non dev’essere statica. Per molti ci sarà un “core”, poche persone chiave che fanno parte del cerchio più stretto. 



Sono persone su cui puoi contare, che ti vogliono bene, ti ammirano


Ti parlano con rispetto, incoraggiamento, ti fanno complimenti genuini, ci tengono a te in maniera disinteressata... Ti vogliono bene solo perché sei tu! 

 
Amore di sè 5 La tua cerchia di supporto life coach sara francesca.jpg




Uno dei miei video preferiti di Jack Canfield, il più famoso coach di successo americano, quello che ha scritto “Chicken Soup for the Soul” per intenderci, è la registrazione di una sua conferenza che ha fatto credo negli anni ’90 o agli inizi del 2000.

 


Per chi non avesse mai sentito parlare di Chicken Soup for the Soul, è una collana di libri di auto-aiuto che ha avuto un successo strepitoso alla sua pubblicazione e ha fatto di Jack un multimilionario: 110 milioni di copie vendute solo negli Stati Uniti e il libro è stato tradotto in più di 250 paesi. In italiano è stata tradotta con il titolo poco accattivante di “Brodo caldo per l’anima”.




Nel video Jack a un certo punto fa alzare una persona dal pubblico ed esegue un test kinesiologico su di lei. 





E’ un semplice test muscolare, utilizzato anche in Italia da molti naturopati e operatori olistici. È un test in cui si possono testare diverse sostanze e si vede la reazione muscolare involontaria del corpo: la reazione può essere di forza o di debolezza. 





Quando è di forza, cioè la sostanza testata rafforza il nostro sistema corpo ed energetico, il braccio sta in alto. Quando invece la reazione è di indebolimento, ovvero la sostanza testata in qualche modo indebolisce, o come alcuni dicono, disorganizza il nostro sistema, il braccio si abbassa. 


Quando Jack ha chiamato la sua cavia sul palco ha chiesto al resto del pubblico di pensare brutti pensieri su di lei. Il braccio della donna, di fronte a un’audience che stava pensando pensieri negativi su di lei, si è indebolito totalmente. 



Subito dopo Jack ha chiesto all’audience di fare il contrario, cioè pensare in maniera positiva della donna sul palco, pensare a modi per complimentarla, incoraggiarla ed esprimere ammirazione nei suoi confronti. Di fronte a un’audience positiva - che emanava pensieri positivi verso di lei - il braccio della donna stava saldo in alto, fermo e forte. 



L’esperimento del video del test kinesiologico di Jack Canfield

Questo semplice esperimento ci dice quanto effettivamente siamo influenzati dal nostro ambiente. Ricordo che quando dico “ambiente” mi riferisco sia all’ambiente esterno che a quello interno, cioè sia ai pensieri che gli le persone intono a noi hanno sia ai nostri stessi pensieri. 





Anche se l’ambiente interiore (cioè i pensieri e le emozioni che proviamo) è quello più forte tra i due, circondarti di persone che ti criticano o che non hanno fiducia in te e nelle tue capacità non ti aiuta ad essere la migliore versione di te stesso. 





Nell’esperimento della donna sul palco che vi ho appena descritto, c’è da notare che l’audience non diceva niente, non ha aperto bocca. Semplicemente ha pensato qualcosa, negativamente o positivamente.



L’ambiente interiore ha più peso rispetto all’ambiente esteriore. Ma siamo capaci di schermarci?

Questo dimostra il peso e l’influenza dei pensieri sul nostro corpo, ancora prima che diventino parole. 





Esistono modi per schermarsi emozionalmente ed energicamente dagli ambienti negativi, anche se la migliore schermatura di tutte è, secondo me e se le condizioni lo permettono, quella di scegliere intenzionalmente di frequentare persone positive e che credono in noi! 





“Circondati di persone che ti amano”, semplice ed efficace.

E’ il miglior vaccino contro l’influenza, la miglior assicurazione salvavita, addirittura è dimostrato da alcune ricerche scientifiche che è la ricetta per la longevità. 





Avere relazioni sane e amorevoli, alcune persone (non serve molte) su cui poter contare e che ci supportano nella realizzazione dei nostri sogni e nel quotidiano. 



Come individuare la tua Cerchia di Supporto

Ora vediamo di individuare insieme qual è la tua cerchia di supporto. Puoi annotare su un quaderno chi sono le persone da cui veramente ti senti supportato/a e che in qualche modo ti nutrono e ti danno sostegno. 





Per la maggior parte delle persone funziona così: c’è un nucleo interno (quello che in inglese viene definito “inner circle”) di persone su cui puoi fare affidamento che è più o meno stabile.





Solitamente a questo nucleo appartengono:





(1) parenti, ovvero mamme, sorelle, zii, figli, nonni, cugini, ecc. (solo quelli con cui avete un ottimo rapporto, ovviamente, una relazione guarita - ci sarebbe tutto un capitolo da fare sulle ferite familiari ma non è questo il momento…);





(2) fidanzate o fidanzati, i compagni con cui avete deciso di condividere il vostro percorso di vita; (postilla: siccome stiamo identificando qual è la tua cerchia di supporto personale, ti invito a essere sincero/a in questo momento e a pensare se davvero ricevi supporto dal tuo compagno/a. Se per qualche motivo senti che questo non avviene, non includerlo/a per il momento. Potrai modificare la tua lista in seguito);





(3) amici, quelli veri, probabilmente sono amici di vecchia data,  oppure persone che hai conosciuto in tempi più recenti e con cui senti una gran sintonia di interessi e un supporto reciproco; 





(4) amici animali, chi ha un amico animale solitamente ha una relazione speciale con questo essere e, sebbene possa parlarci, solitamente è molto nutrito da questa relazione. Sicuramente cani, gatti, cavalli, porcellini d’india etc. non stanno lì a giudicarvi e non vi criticheranno mai. Vi sostengono e basta. 





Finita questa breve lista, puoi aggiungere altre componenti alla tua cerchia di supporto, che possono variare nel tempo e magari sono legati a interessi specifici. Non serve neanche che siano persone che conosci direttamente: possono essere delle personalità digitali. Ad esempio, autori o youtuber che segui molto volentieri che ti danno forza e motivazione, gruppi Facebook di supporto per specifici interessi o attività, quei libri - oracolo che tieni sempre a portata di mano sul comodino, ecc… 





Puoi includere alcuni colleghi di lavoro, o il barista del bar sottocasa che ti fa sempre un gran sorriso quando entri...





Sentirsi supportati è davvero importante. Fa parte del nostro senso di appartenenza alla comunità, alla famiglia, più ancestralmente alla tribù. Il nostro cervello di mammiferi ha bisogno di sentirsi parte di un gruppo, di sentirsi connesso con altre persone, di dare e ricevere cure, sostegno e amore. 



Fai pratica così

Il tuo compito per questa settimana è di fare mente locale per capire chi è nel tuo gruppo di supporto.





Da che cosa e da chi ti senti veramente supportato nella tua vita? 





Dopo che l’hai scoperto, ricordati di fare di tutto per nutrire in continuazione queste relazioni.

L’avvicinarsi del Natale, i periodi di festa e di vacanza, le ricorrenze famigliari… sono buoni momenti per passare del tempo di qualità con la tua cerchia di supporto e nutrirti di molto altro che non è cibo. 





Ricordati che puoi fare affidamento sugli altri e che chi ti vuole bene sarà molto felice di supportarti, perché a sua volta si sentirà nutrito/a dal senso di connessione con te!


Se hai domande riguardo alla tua cerchia di supporto, o se ti sembra  che non sia abbastanza estesa o stai attraversando dei problemi relazionali, contattami pure su whatsapp o su instagram @artofgreen. Sarò felice di parlarne insieme. 



Recap puntate precedenti + social challenge

Ancora una cosa prima di lasciarti: siamo a metà del corso, alla quinta puntata su 10. Significa che già è passato un mese da quando abbiamo iniziato.





Se è vero che basta un mese per creare una nuova abitudine, come dicono gli esperti, sono proprio curiosa di ascoltare i tuoi progressi!





I passi pratici per amare di più se stessi che abbiamo visto finora sono:





  1. Smettere di Criticarsi

  2. Addio pensieri Spaventevoli 

  3. Cosa vuol dire Perdonarsi 

  4. Rilassarsi (più volte al giorno)

  5. La tua Cerchia di Supporto 





Questa settimana ti propongo un social challenge… Usciamo allo scoperto e diciamo al mondo che ci amiamo, che abbiamo iniziato ad amare di più noi stessi, che stiamo imparando a ricordarci di prenderci cura di noi, in primo luogo. Ti invierò il challenge su whatsapp. 





Come sempre, condividi questo audio con le persone che pensi ne possano trarre beneficio, anzi perché non inviarlo proprio a quelle persone che fanno parte della tua cerchia di supporto per dirgli quanto sono importanti per te?!





Un grande abbraccio e una buona, buonissima settimana! 

sara-francesca-signature.png