Contact Me

Se hai domande sul coaching, sul mio lavoro o vuoi invitarmi a parlare a un evento, lascia pure un messaggio qui. Grazie!

For any questions about my work please leave a message here. I'll reply asap. Thank you.

Name *
Name
         

123 Street Avenue, City Town, 99999

(123) 555-6789

email@address.com

 

You can set your address, phone number, email and site description in the settings tab.
Link to read me page with more information.

Come Amare Se Stessi (8) - Io Amo la mia Mente!

Blog IT

Come Amare Se Stessi (8) - Io Amo la mia Mente!

Sara Francesca


Quest’articolo è l’ottavo step della Guida Pratica all’Amore di Sè in 10 passi ispirata ai principi di Louise Hay.


Oggi vediamo uno step che è, se vogliamo, complementare a quello di settimana scorsa. 



Settimana scorsa abbiamo parlato di amare il tuo corpo, come amare il tuo corpo.



Abbiamo visto quali sono le 8 cose a cui fare attenzione per amare te stesso e il tuo corpo.


Puoi rivederle qui.


Parallelamente ad amare il tuo corpo, c’è un’altra cosa che spesso ci dimentichiamo di amare e curare con le dovute attenzioni: è amare la nostra mente. 



Corpo e mente si fondono. 



I pensieri e la fisicità si fondono. 



Oggi ce lo dice anche la scienza con i numerosi studi relativi all’epigenetica. Fino a 20 anni fa si credeva che il DNA fosse fisso e che l’espressione genetica di ognuno fosse stabilita alla nascita. Oggi invece sappiamo che ciò che avviene nel corpo come espressione genetica è plasmato dall’ambiente, sia interno che esterno. 



Il concetto è molto chiaro: chi poi ha studiato al classico come me sì ricorderà che “epi” è una preposizione che in greco antico significa “sopra”, “attraverso”, “intorno”… è quindi l’ambiente intorno al gene che richiama l’espressione del gene o meno. Quindi l’espressione fisica di noi stessi non è fissa, ma può essere modificata dall’ambiente che ci sta intorno. Questa teoria è quella su cui si basa la medicina preventiva oggi tanto acclamata e le raccomandazioni di mindfulness e di cura della propria salute mentale per godere di un’ottima salute. 



Per chi volesse approfondire l’argomento, un luminare del campo dell’epigenetica è Bruce Lipton. Si diletta a fare video semiseri su YouTube, altrimenti trovate uno dei suoi libri più famosi tradotto in italiano con il titolo “Biologia delle Credenze”. 



Questo breve riferimento all’epigenetica è per sottolineare quanto sia importante davvero prendersi cura della propria mente ed emozioni, perchè esse costituiscono l’ambiente interno che può plasmare il nostro DNA. 



Alcuni la chiamano igiene mentale, altri salute mentale, altri ancora equilibrio psico-fisico. 



Finora abbiamo visto che la nostra mente è sempre attiva, nella sua forma conscia o subconscia... è un enorme calcolatore sempre acceso. 



Non solo è un calcolatore. 



E’ anche un organo di senso. Nella mente risiede il senso dell’intuizione. Alcune nostre intuizioni possono essere accompagnate da sentori fisici, vibrazioni nel corpo, ma vengono comunque tradotte dalla mente in pensieri affinché noi le capiamo. 



Come fare ad amare la propria mente? 



La mente ha un sacco di attività e non tutta questa attività ci piace…



Ti ricordi l’episodio n. 6 dal titolo “I pattern che ci picchiettano”? Già in quell’episodio ti avevo parlato di quanto fosse importante essere compassionevoli con i tuoi pattern mentali negativi, una volta riconosciuti, perchè quando accettiamo una cosa possiamo cambiarla, quando invece non l’accettiamo e ci arrabbiamo con noi stessi, quando ci rimproveriamo qualcosa, perdiamo in partenza. 



La mente conscia, la neocorteccia, è la parte del nostro cervello che evoluzionisticamente si è formata in tempi più recenti - o almeno così sembra. 



Amore di sè 8 .jpg

Questo vuol dire che dobbiamo ancora imparare a usarla bene. Nel senso che, come tanti scienziati sostengono, il sistema del nostro cervello nel suo complesso non è stato fatto per confrontarsi con un mondo così veloce, accelerato e ultra-stimolante come è la società in cui viviamo. 




Per questo è importante ricordarsi di amare la nostra mente e aiutarla a crescere in senso positivo, educarla ad essere una fedele compagna di giochi. 




La neocorteccia è la parte del tuo cervello che in questo momento sta ascoltando, immagazzinando e analizzando le mie parole. E’ la mente conscia, che media qualsiasi interazione con l’esterno. 




Di per sè il suo funzionamento è molto semplice, e in questo il cervello è assimilabile a un computer.




Una delle principali funzioni della mente conscia è quello di eseguire dei compiti. 




Ma allora, se la nostra mente conscia è fatta solo per eseguire i compiti, chi decide questi compiti? Chi prende le decisioni? Per semplificare possiamo parlare di emisfero destro (quello deputato alla creatività, all’intuitività e alla gestione delle emozioni) ed emisfero sinistro (deputato invece al calcolo, alla precisione, all’analisi). 




Personalmente non mi piace tanto questa distinzione perchè trovo sia uno schema un po’ riduttivo per la complessità del cervello. Ad ogni modo, ciò che semplifica ci aiuta a capire. 



Quindi c’è una parte della mente che esegue i compiti, l’esecutore (l’emisfero sinistro) e una parte della mente che decide quali compiti far eseguire (l’emisfero destro). (Se vuoi approfondire: libro disponibile nell’edizione inglese The Master and His Emissary di Iain McGilchrist)




Molti di questi compiti sono pensieri: quali pensieri pensare, quali paure avere, quali obiettivi scegliere, quali valori in cui credere, etc. 




Di questo si occupa la mente subconscia, il grosso della nostra identità, ma tu puoi dialogare e comunicare con il tuo subconscio per avere nuovi risultati e raggiungere nuovi obiettivi nella tua vita. 




Una volta seminato un nuovo seme nel tuo subconscio, la mente coscia farà di tutto, ma proprio di tutto, per aiutarti ad arrivare lì, proprio lì dove tu vuoi arrivare. 




Per questo dobbiamo amare la nostra mente per amare completamente noi stessi, perchè anche quando ci porta ad avere pensieri negativi, atteggiamenti di auto-sabotaggio, paure, etc, in realtà non sta facendo altro che eseguire un compito che le è stato assegnato in precedenza, con precisione ed efficienza. 




Un compito che le è stato assegnato da un’altra parte della mente stessa. 




In conclusione, grazie al coaching e all’ascolto interiore diventi sempre più consapevole di quali pensieri ci sono nella tua mente, quali affiorano in superficie e quali sono un pochino più profondi. 




Ma indipendentemente da quali pensieri popolino la tua mente, comunque ti vorrei ricordare e consigliare di amarla e ringraziarla quotidianamente per l’instancabile lavoro che fa di eseguire i tuoi comandi alla perfezione.


Fai pratica così


Il tuo compito per questa settimana è molto semplice. Vai sul tuo quadernino che stai dedicando a questo corso e completa le seguenti frasi:




“La mia mente è fantastica perchè…"




“Io amo la mia mente perchè…” 




Puoi trovare da 3 a 10 motivazioni. Già facendo questo semplice esercizio ti sentirai meglio e ti amerai di più! 




Esempio: La mia mente è fantastica perchè… 

  • Mi ricordo sempre la strada di casa

  • Esegue tutti i compiti che le do

  • Mi permette di sognare - letteralmente

  • Mi permette di fare progetti unici e originali… 

  • etc.. 

_ _




Questo corso, come ho già detto altre volte, è stato ispirato da Louise Hay. 




Louise Hay è una donna di successo che ha fondato una delle case editrici di crescita personale più famose del mondo. La sua storia è affascinante. Veniva praticamente dalla strada, è stata abusata quando era bambina e non ha finito neanche gli studi superiori. 




Questo non l’ha fermata da trovare le forze e la bellezza dentro di Sè per esprimere il suo dono al mondo, tra cui questo messaggio potente dell’Amore di Sè, che sono onorata di portarti in questo audiocorso. 




Louise ha imparato a usare il computer quando aveva già più di 50 anni. Tante volte nei suoi discorsi assimila la nostra mente al funzionamento di un computer e dice quello che vi dicevo prima.




Se il computer non esegue correttamente è perchè è sbagliato il comando che gli hai dato. Se la tua mente non esegue come vorresti (es. sei distratto/a, in ritardo, ti dimentichi cose importanti, sei attanagliato/a dall’ansia o dalla paura), significa che non le hai dato il comando giusto. 




La mente, come il computer, esegue perfettamente le tue credenze più profonde. Per questo il coaching è così efficace. 




Perchè non esistono limiti se non solo nella tua mente, e quando riconosci e sposti quei limiti… Ti si apre un nuovo mondo! 




Come si fa a non amare uno strumento così miracoloso come la nostra mente? 




Ciao e tutti e vi auguro un’ottima, stupenda settimana!